La realtà – J.R. Schmid

La scuola non è più intesa e organizzata come una preparazione alla vita, è la vita stessa.

Le riflessioni di Schmid sulle esperienze delle scuole democratiche e libertarie in Germania sono un valido stimolo per lo studente nella percezione dell’ambiente scolastico.

Il compito della scuola è di offrire al bambino un ambiente dove potrà essere bambino, giovane e sereno senza tener conto dei fini che si devono realizzare, ma sviluppando in lui un senso di responsabilità verso gli esseri umani tra i quali vive.

La vita nella scuola non deve essere identificata solo come un passaggio dall’infanzia all’età adulta, di mera preparazione alla vita vera, quando in realtà i contenuti, le esperienze, le fantasie e curiosità realizzate in questo passaggio sono le più utili e preparatorie alla vera conoscenza. Nessuna esperienza viva e muore per se stessa, ma continua vivere in quelle future. Ecco perché un’educazione basata sull’esperienza viva e reale mira a selezionare conoscenze che possano tradursi creativamente in quelle che verranno.

La realtà vissuta in un’ambiente costruito secondo forme esteticamente valide, pulite, belle e positive in rapporto alle esperienze da realizzare è la migliore scuola che è possibile offrire agli studenti.

Quando poi diventeranno adulti porteranno in altri ambienti quel senso di realtà e utilità di cui il tempo è lo spazio hanno bisogno, tralasciando anche qui (come deve essere per la scuola) le sciocche finzioni della vita e concentrando le esperienze sulla ricerca della vera conoscenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *