L’agire fisico – Giuseppe Pea

I video del Prof. Pea, docente universitario – matematico e fisico, sono una incredibile illustrazione per la co-disciplinarietà con le materie logico-matematiche.

Sostiene che le esperienze di tempo, spazio e logica siano carenti, creando dei problemi nella razionalità e nella richiesta di riflessioni e collegamenti a discapito delle discipline che hanno le relazioni come fondamento, tipo la matematica, la fisica, la geografia.

Problemi che si formano senza l’agire.

E’ proprio tramite l’azione del corpo che i bambini acquisiscono le categorie spazio-tempo-logico. Senza esperienze non nascono i concetti. Il docente dovrebbe ridurre la quantità di contenuti e procedere metodologicamente per pratiche. Molto importante è continuare a crea problemi ai bambini in modo da far lavorare la mente umana per risolverli attraverso le comunicazioni dei sensi e del vissuto corporeo.

L’intelligenza è il risultato delle nostre azioni e della verifica se le nostre azioni sono efficaci.

Le relazioni che si formano dentro la mente permettono la costruzione dell’organizzazione della realtà, permettono cioè di aggiungere i nessi mentali fra gli elementi del mondo esterno.

Facciamo di tutto per evitare i problemi ma è solo attraverso i problemi che sviluppa l’intelligenza. Pensare in termini motori ed agire in termini motori per risolvere ed affrontare problemi, questo porta a degli sviluppo neuronali che reggeranno i concetti matematici e le astrazioni della matematica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *