Bravo – Alfie Kohn

Tante sono le conseguenze controproducenti dell’apprendimento basato sulla competizione, l’individualismo, l’utilitarismo, di cui è impregnato il sistema scolastico. Francesco Codello e Irene Stella nel libro che parla di scuole libertarie e democratiche – ‘Liberi di imparare’ –, suggeriscono che occorre distinguere percepire il risultato come strumento per ottenere un premio e quando invece il premio […]

Gli errori – Maria Montessori

Attraverso i ricordi è possibile rivivere emozioni, sentimenti e aspettative di una azione. E’ sbagliato correggere uno studente mentre sta svolgendo una azione. L’errore o la diversa interpretazione dell’azione sono aspetti qualificanti del processo di apprendimento e come tali devono essere valorizzati. L’educatore dovrebbe favorire nello studente il raggiungimento di una indipendenza fisica e mentale, […]

La realtà – J.R. Schmid

La scuola non è più intesa e organizzata come una preparazione alla vita, è la vita stessa. Le riflessioni di Schmid sulle esperienze delle scuole democratiche e libertarie in Germania sono un valido stimolo per lo studente nella percezione dell’ambiente scolastico. Il compito della scuola è di offrire al bambino un ambiente dove potrà essere […]

La possibilità – Ken Robinson

Uno dei pericoli nell’istruzione standardizzata è l’idea che la taglia unica vada bene per tutti e che la vita sia lineare. La verità è che esistono molte strade che portano alla realizzazione di sè. Ken Robinson nelle sue divertenti e pungenti riflessioni sull’istruzione immagina una scuola creativa, delinea con i suoi racconti una nuova educazione. […]

La presenza – Adriana Dell’Arte

La consapevolezza della propria solitudine è presupposto per la ricerca, la scoperta, la conoscenza, la condivisione del proprio Centro. L’educazione diventa un processo di tutela dello spazio, necessario all’emersione dei propri individuali ed unici talenti. L’educazione è il luogo di messa in relazione fra i vari Centri, e di scoperta di sè attraverso il rispecchiamento […]

I compiti – Maurizio Parodi

“Un tempo pieno di cosa?” è la risposta pubblica del Dirigente Scolastico Maurizio Parodi, promotore della campagna ‘Basta compiti!’ , che fornisce una lettura particolare sul tempo scolastico. Riferendosi a questioni politiche sul tempo pieno nella scuola primaria lo definisce come snaturato e riempito di vuoto pedagogico. Un tempo dove non c’è traccia di connessione tra teoria […]

L’azione – Umberto Margiotta

Il manuale del Prof. Margiotta, ordinario di Pedagogia generale, produce una disamina affascinante e coinvolgente delle conoscenze pedagogiche. Storicamente il significato di educazione è costituito e strutturato entro uno spazio-tempo “naturale” nel quale il soggetto “guidato con sapienza” si forma. Mentre il polo dell’istruire rinvia ai significati del riempire, trasmettere, mettere qualcuno in possesso non […]

L’ambiente – Paolo Borin

Tratto nuovamente dal libro L’emozione di educare, il Prof. Paolo Borin psicologo descrive come l’ambiente può inibire o stimolare, sia le attività che vi si svolgono, sia le relazioni che al suo interno si stabiliscono. Si potrà pensare che non serve nessuna evoluzione poiché per la formazione delle giovani menti e per la loro istruzione […]

L’interattività – Simona Nicolosi

Le relazioni tra i docenti sono alla base del metodo scolastico che è proposto. Dalle azioni che i docenti effettuano si generano delle energie che contribuiscono alla efficacia dei processi di insegnamento ed anche allo sviluppo delle motivazioni proprie di questo lavoro. La Prof.ssa Simona Nicolosi ricercatrice di psicologia generale dell’Università di Enna, inquadra la […]